Andromeda e la notte by RUGARLI Giampaolo

By RUGARLI Giampaolo

Octavo pp. 238 ril tela, sovrac (cloth, DJ)

Show description

Read or Download Andromeda e la notte PDF

Similar italian books

Il Concilio di Trento: una introduzione storica

Publication by way of Adriano Prosperi

Per chi suona la banana: Il suicidio dell'Unione Brancaleone e l'eterno ritorno di Al Tappone (Italian Edition)

Si parte dal marzo del 2007, quando ancora los angeles rubrica di Marco Travaglio sull’«Unità» si chiamava Uliwood celebration: governava, traballando, Romano Prodi. Si arriva al settembre del 2008: los angeles rubrica si chiama Ora d’aria e sgoverna, anzi risgoverna Silvio Berlusconi, riesumato e rianimato dagli errori del centrosinistra.

Cinquanta grandi idee di genetica

Booklet through Mark Henderson

Extra resources for Andromeda e la notte

Sample text

Otto brontolò nel sonno. Andai in cucina, buttai le pillole e il cognac nel lavandino, mi misi a cercare il documento di Carrano. Lo trovai sul tavolino del telefono, quasi nascosto dall'apparecchio. Me lo rigirai tra le mani, guardai la foto del musicista. Aveva ancora tutti i capelli neri, le pieghe profonde che gli segnavano il viso tra il naso e gli angoli della bocca non erano ancora comparse. Guardai la data della sua nascita, cercai di ricordare che giorno era, mi resi conto che stava cominciando il suo cinquantatreesimo compleanno.

Frugare nei posti noti, leggere caso mai i miei sfoghi, le mie lettere. Il cuore mi scoppiava in petto per la rabbia. No, non avrebbe mai più dovuto varcare quella soglia, mai, i bambini stessi sarebbero stati d'accordo con me, non si parla con un padre che si introduce in casa a tradimento e non lascia nemmeno una traccia di sé, non un ciao, non un arrivederci, nemmeno un come state. Così, proprio sull'onda ora del risentimento, ora soltanto della preoccupazione, mi convinsi che dovevo mettere una nuova serratura alla porta.

Pareva non avere fretta, io avrei preferito invece che tutto procedesse più velocemente. Ora pensavo alla possibilità che i bambini si svegliassero o addirittura all'ipotesi che Mario, dopo il nostro incontro tumultuoso, spaventato, ravveduto, avesse deciso di tornare a casa proprio quella notte. Mi sembrò persino di sentir latrare festosamente Otto, e stavo per dire c'è il cane che abbaia, ma poi mi parve fuori luogo. Carrano mi aveva appena sollevato la gonna e ora mi accarezzava il cavallo degli slip col palmo della mano e poi passava le dita sulla stoffa facendo pressione, spingendola in profondità dentro la fossa del sesso.

Download PDF sample

Rated 4.26 of 5 – based on 43 votes